• Views 2261
  • Likes
  • Rating 12345
Il mastino tibetano di tipo Shannan

hutouao

 

Classificazione: 

non riconosciuto come varietà differente del generico “Tibetan Mastiff/ Do-Khyi” dalla FCI.

Taglia: generalmente oltre i 70-75cm alle spalle, sono documentati soggetti alti anche oltre gli 80cm. peso superiore ai 70kg nei maschi più grossi.

Descrizione: 

Tipologia:  molossoide

Morfologia: brachimorfo brachicefalo

Mobilità: a questa tipologia appartengono i più grossi cani “stanziali” (=rong-khyi); esistono tuttavia soggetti più “leggeri” e mobili.

Localizzazione geografica: provincie tradizionali di U (dBus) e gTsang, ora prefetture di Lhasa, Xigazè e Shannan (da cui prende il nome la tipologia).

Mantello: pelo di guardia medio/corto;  sottopelo folto come in tutti i mastini tibetani. I cani di questa tipologia sono generalmente di tipo tigre (stag-khyi), privi o quasi di criniera. I colori tradizionali sono il nero ed il nero focato, ma sono documentati anche soggetti rossi o chiazzati di bianco.

Aspetto: forte, iscritto nel rettangolo, struttura potente e pesante, testa enorme, larga, con labbra molto sviluppate. Orecchie molto grandi, piuttosto piatte e spesse.
Congiuntiva molto visibile in alcuni soggetti.
Coda “a falce”.
In alcune vecchie rappresentazioni i cani della zona di Lhasa sono raffigurati come meno rugosi rispetto ai cani di Shigatse(Xigazè).

Attitudini ed impiego: guardia.
I cani di questa tipologia, specialmente se provenienti dalla zona dello Yarlung Tsampo, erano quelli preferiti per la guardia dei palazzi del Dalai-Lama e dei suoi alti dignitari.

Note: i cani dello Shannan sono i primi con cui gli esploratori inglesi vennero in contatto e che concorsero a creare il mito del mastino tibetano “gigante”.
Particolarmente pregiati erano considerati i soggetti completamente neri.

I cani dello Shannan sono anche chiamati “Tsang-khyi” (=cane dello Tsang/gTsang) oppure bZang-khyi (=cane dall’aspetto nobile)

Foto:

shannan (ytm)

shannan8

shannan ao